Le parole del corpo

Non rimanere un paziente dipendente e malleabile: diventa il medico di te stesso. Epitteto

Le sensazioni fisiche

Ti capita, a volte, di sentire delle sensazioni fisiche che ti mettono in agitazione o che temi siano i sintomi di una malattia fisica?

Sii.

E cosa fai? Corri dal medico?

E quando gli esami sono tutti negativi e le sensazioni non spariscono? Cosa fai?

Prendi dei farmaci per l'ansia o la depressione?

I farmaci, certe volte, vanno presi, se ad esempio hai difficoltà a dormire da diverso tempo o se il senso di agitazione è molto forte. Ma allo stesso tempo è importante ascoltare le sensazioni fisiche perché è il modo che ha il tuo cervello emotivo di parlare.

Le sensazioni fisiche sono provocate dalla reazione istintiva al pericolo, che è regolata dai centri sotto-corticali e dal sistema limbico (cervello emotivo).

Ecco alcune delle sensazioni che puoi avvertire:

• agitazione, tensione, stato di allerta

• vertigini, senso di instabilità, sensazione di “testa leggera” o di svenimento

• difficoltà a respirare, sensazione di soffocamento o di mancanza d'aria

• respiro affannoso o respiro corto

• palpitazioni o tachicardia (come se il cuore volesse uscire dal petto)

• dolore o fastidio al torace

• nausea, fastidio allo stomaco, difficoltà a digerire

• mal di pancia, bruciore allo stomaco

• tensioni muscolari, mal di schiena, mal di testa, male al collo, alle cervicali

• tremori, mani umide, sudorazione a livello di ascelle, schiena, fronte

• vampate di calore, brividi o pelle d'oca

• formicolio o prurito in alcune parti del corpo

Le emozioni

Insieme alle sensazioni fisiche, puoi avvertire anche delle sensazioni psicologiche.

Eccone alcune:

• angoscia

• ansia

• confusione

• irrequietezza

• agitazione

• nervosismo

• preoccupazione

• spavento

• disorientamento

• stanchezza

• irritazione

• disagio

• demoralizzazione

• disperazione

• impotenza

• tristezza

• nausea

• senso di schifo

• delusione

I bisogni

Quello che ci risulta difficile da cogliere è il fatto che le sensazioni fisiche e le emozioni sono strettamente legate ai nostri bisogni fisici e psicologici (i bisogni sono esigenze vitali, cioè esigenze importanti per la vita)

Ecco alcuni bisogni fondamentali dell'essere umano:

• di respirare

• di bere

• di mangiare

• di andare in bagno

• di contatto fisico

• di dormire

• di appagamento sessuale

• di luce

• di essere accettato

• di essere ascoltato

• di essere trattato con gentilezza, tatto, delicatezza

• di comprensione

• di essere amato

• di appartenere a un gruppo

• di apprezzamento

• di riconoscimento

• di fiducia

• di rispetto

• di sicurezza affettiva

• di sicurezza economica

• di conoscere

• di capire

• di potersi realizzare

• di armonia

• di pace

• di speranza

La ricerca scientifica

La ricerca scientifica ha scoperto che i centri sottocorticali "colgono" il pericolo ancor prima della corteccia cerebrale (mente cosciente).

L'amigdala (ghiandola della dimensione di una mandorla che fa parte del sistema limbico) riceve informazioni uditive e visive provenienti dall'ambiente esterno e le confronta con:

• le informazioni immagazzinate nell'ippocampo (area del sistema limbico dove sono immagazzinati i ricordi)

• le informazioni provenienti dalla corteccia prefrontale (cioè le informazioni riguardanti il significato che diamo a quello che sta accadendo)

Se queste informazioni dicono: "Non c'è pericolo, stai tranquillo", l'amigdala si calma.

Se invece dicono: "Attenzione, allarme, sta in guardia" l'amigdala continua a "risuonare" per mantenere il tuo organismo in stato di allerta.

Qual è il pericolo?

Quello che ci risulta difficile è individuare il pericolo.

Non si tratta di un pericolo fisico, o meglio, può trattarsi anche di questo, ma il più delle volte si tratta di un pericolo emotivo.

Quando non mangiamo per molto tempo corriamo il pericolo di debilitarci, di ammalarci e di morire. E su questo siamo tutti d'accordo.

Ma quello che facciamo fatica a riconoscere sono i pericoli emotivi, sociali, legati alle relazioni.

Il nostro cervello emotivo avverte quando viviamo, o ci troviamo in una situazione nella quale i nostri bisogni psicologici vengono calpestati o ignorati e ci mette in allerta.

In qualche modo, ci prepara ad affrontare la "minaccia". Però se le cose intorno a noi o dentro di noi non cambiano, il nostro organismo rimane in uno stato di iper-attivazione.

Scopo del corso:

• imparare una tecnica che ti aiuti ad ascoltare le sensazioni fisiche, basata sul "lascio che accada" (atteggiamento che richiede un approfondimento e molta pratica per essere acquisito)

• imparare una tecnica che ti aiuti a legare le sensazioni fisiche, alle emozioni e ai bisogni interiori, in modo da dare un senso a quello che ti accade, e indicarti la via per stare meglio e vivere la tua vita pienamente

3 INCONTRI INTRODUTTIVI

• incontri a cadenza settimanale

• giorno: LUNEDI'

• orario: 21:00 – 22:30

• n° partecipanti: min 3 - max 5

• costo: 90 euro

• inizio: 20 NOVEMBRE 2017

• sede: studio dott. Giacometti - Stradella della fabbrica 15 – Cittadella

• coordinatore: dr. Alessandro Giacometti

• se sei interessato/a ti chiedo, per favore, di confermare la tua presenza almeno 3 giorni prima dell’inizio (basta un SMS)

• per conferma cell. 338.4141670 - drgiacometti@gmail.com

• incontri organizzati in modo tale che ognuno possa mantenere la propria privacy

• al termine dei 3 incontri puoi decidere se fermarti o continuare (entrambe le decisioni vanno bene. La parola chiave è libertà)

7 INCONTRI DI APPROFONDIMENTO

• incontri a cadenza settimanale

• giorno: LUNEDI'

• orario: 21:00 – 22:30

• n° partecipanti: min 3 - max 5

• inizio: subito dopo i 3 incontri propedeutici

• sede: studio dott. Giacometti - Stradella della fabbrica 15 – Cittadella

• coordinatore: dott. Alessandro Giacometti

• costo: 210 euro

• per informazioni: cell. 338.4141670 - drgiacometti@gmail.com

• incontri organizzati in modo tale che ognuno possa mantenere la propria privacy

Facebook

1 Commento

  • ergfir nolikz

    Exceptional post however I was wanting to know if you could write a litte more on this subject? I’d be very grateful if you could elaborate a little bit further. Many thanks!

  • Scrivi un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Il vaso di vetro

    Un giorno un professore di filosofia entrò in classe con un grande vaso di vetro e una cesta piena di pietre delle dimensioni …

    Regali di Natale

    Tanto tempo fa, durante la grande recessione degli anni trenta, in America, un uomo decise che non c'erano abbastanza soldi …

    La piccola Marie

    Marie (si legge Marì) era una bambina di undici anni che viveva in una vecchia casa di Parigi, nei primi anni del secolo …